Archivio eventi 2007 - Sito Istituzionale del Comune di Serri

Vai ai contenuti

Menu principale:

Archivio eventi 2007

Eventi > Archivio eventi

Singolare iniziativa promossa dagli Amministratori di Serri: nei giorno tra il 23 e il 24 dicembre 2007, Babbo Natale, accompagnato da tre babbo nataline, ha fatto visita agli anziani e ai bambini, ai quali ha regalato un panettone e un sacchetto pieno di caramelle e cioccolati.

I dolciumi sono stati acquistati con un piccolo contributo del Comune; ma il Sindaco e la giunta, aiutati anche da Babbo Natale e dalle attività commerciali del paese, hanno deciso di fare colletta destinando missioni e indennità per promuovere tale iniziativa.

“Ringrazio Babbo Natale e le sue aiutanti”, commenta il Sindaco, “ che, nonostante il forte freddo dei giorni, hanno fatto visita agli anziani e ai bambini di Serri, i quali hanno fortemente gradito il gesto e l’ idea così originale.”


Il 17 dicembre del 2007, sarà una data che verrà ricordata nel tempo da molti serresi: il paese si è infatti svegliato sotto una soffice coperta di neve che in alcuni punti ha raggiunto e superato i 20 cm, dipingendo un tipico panorama “da cartolina”.

L’ ondata di freddo ha portato i primi fiocchi già dal giorno precedente, intensificandosi nella notte, con forti precipitazioni nevose fino a bassa quota.

La neve, se da un lato ha rallegrato bambini e ragazzi portandoli nelle piazze a costruire i pupazzi, dall’ altro ha creato seri disagi, specie agli automobilisti: il paese è rimasto isolato sino al pomeriggio, nonostante i mezzi spazzaneve e spargi sale abbiano iniziato a lavorare da subito.


Domenica 18 novembre 2007, nella parrocchia di San Basilio Magno di Serri, il Pastore ha fatto visita al suo gregge.

“Vengo a voi allo stesso modo in cui Gesù, inviato dal Padre, è venuto nel mondo, così Gesù stesso mi ha mandato a voi per parlarvi di Lui, per insegnarvi a seguirlo e per aiutarvi a portare le vostre croci quotidiane”. Diceva così la lettera che S.E. Rev.ma Mons. Giuseppe Mani, Arcivescovo della Diocesi di Cagliari, ha inviato alle famiglie serresi alcuni giorni prima della sua Visita Pastorale.

“Un momento di estrema importanza per un paese, per i suoi abitanti,” riferisce il sindaco, “poiché diventa segno di confronto reciproco, discussione, collaborazione”.

Il Vescovo, accompagnato dal suo segretario, don Luca Venturelli, è arrivato in paese intorno alle 10:45, dove ad attenderlo, presso il monumento “Giubileo 2000”, c’ erano il parroco, don Eugenio Cocco, l’ amministrazione comunale, i rappresentanti militari del paese e del territorio, e diversi parrocchiani.

Dopo i saluti di benvenuto e di accoglienza, tutti in processione verso il Palazzo Municipale, in cui si è tenuto un breve incontro con il Consiglio Comunale.

Il sindaco, durante il suo discorso, ha evidenziato le bellezze storico – artistiche, naturalistiche e archeologiche di cui Serri è padrone, invitando S.E. a ritornare presto, per poterle ammirare da vicino. Il Primo Cittadino ha inoltre presentato a Mons. Mani, i rappresentanti del Consiglio, le prospettive della nuova amministrazione per i prossimi cinque anni, omaggiandolo di un’ elegante pergamena ricordo della sua presenza.

Scambio di battute tra sindaco e vescovo sul parroco “in condivisione” con la vicina parrocchia di Escolca, e sull’ esigenza da parte della comunità di avere una guida spirituale propria.

Mons. Mani, nel suo intervento, ha messo in evidenza le meraviglie del paese: ne sono esempio la posizione geografica, quella territoriale, la presenza di tracce storiche dall’ età nuragica ad oggi, le chiese. “Serri non diventerà mai una metropoli,” ha riferito, “ma resterà sempre un piccolo paese, gioiellino di grande valore della Sardegna”. Ha poi reso omaggio al sindaco di un Crocefisso, un’ immagine molto significativa, riproduzione fedele del pastorale che usa il Papa.

Dopo la visita al Municipio, durante il percorso per raggiungere a piedi la chiesa parrocchiale, il Vescovo ha ammirato il paese, le campagne che lo circondano e il panorama tutto attorno.

Alle ore 11:30, celebrazione della Santa Messa, animata dalla corale della parrocchia, alla presenza oltre alle autorità civili e militari, anche di una rappresentanza del gruppo mini folk “Santa Vittoria” di Serri.

Al termine della liturgia, il sindaco, Samuele Gaviano, ha ringraziato S.E. per la sua breve ma significativa Visita Pastorale: “Confermo la mia disponibilità al dialogo e all’ incontro per qualsiasi problema o necessità della parrocchia e della comunità stessa”.




“Il 4 Novembre, è una data storica per tutti gli italiani.” E’ questa la frase con cui il sindaco di Serri, Samuele Gaviano, ha aperto il suo discorso, pronunciato in occasione della Commemorazione dei Caduti in Guerra.

Le celebrazioni, tutte ben partecipate e particolarmente sentite, hanno avuto inizio alle ore 11:00, con la Santa Messa presso la chiesa parrocchiale, presieduta dal parroco, don Eugenio Cocco, nella quale erano presenti il Sindaco e gli amministratori; il Preside della Scuola Primaria, dottor Filiberto Orrù, gli alunni e le insegnanti; i bambini della Scuola dell’ Infanzia Paritaria e la Responsabile, Suor Giulietta; le rappresentanze militari: Carabinieri, Guardia di Finanza, Corpo Forestale e Aeronautica Militare.


Al termine della liturgia, un lungo corteo si è avviato verso la piazza Eroi, capeggiato dal signor Palmas Giuseppe, ex combattente, con in mano il tricolore e dagli alunni delle scuole intonanti le canzoni patriottiche.

Una volta giunti innanzi al Monumento, durante la deposizione della corona d’ alloro, hanno echeggiato le note del silenzio, suonate da una tromba. Alla benedizione da parte del parroco, sono seguite, la lettura dei nomi dei Venti Militari Eroi di Serri, le poesie recitate dai bambini delle scuole e di un breve componimento poetico in lingua sarda, scritto dal serrese Peppino Puddu.

Durante la cerimonia, il coro polifonico “Santa Lucia”, diretto dal maestro Felice Cassinelli, ha reso omaggio ai Caduti con l’ Inno d’ Italia e Dimonios.

A concludere, il discorso del Sindaco che ha inquadrato la giornata all’ interno di una cornice storica, con particolare attenzione nei confronti degli Eroi del paese, facendo riferimenti non solo alle grandi guerre del secolo scorso, ma anche alle tragedie del nuovo millennio, come l’ attentato a Nassirija e alle Torri Gemelle:

“L’ amministrazione comunale con emozione, vuole unire al ricordo degli eroi, un nostro militare dell’ Esercito, Filippo Pilia, morto al rientro dal Kosovo, dopo un breve periodo di malattia. A tal proposito, voglio ricordare e ringraziare le forze armate, i militari e le rappresentanze civili dislocate nei territori lontani per diffondere, in nome della Patria, i principi morali sui quali si basano le fondamenta di una crescita vera e sana, per le generazioni che vengono e che verranno. Ai nostri concittadini, Gianfranco Pisano e Denis Pilia, impegnati attualmente in missioni di pace, un grosso saluto ed un grazie, perché con il loro lavoro, diano contributo al miglioramento della società mondiale e siano d’ esempio contro ogni forma di guerra, abuso, crimine, discordia tra i popoli.”

Il Sindaco ringrazia tutte le rappresentanze civili e militari, le scuole, le associazioni, i parenti dei Caduti e i presenti tutti alla cerimonia di Commemorazione, dando appuntamento al prossimo anno. La giornata ha avuto la sua conclusione con un rinfresco, presso l’ aula consiliare nel Palazzo Municipale.  


Grande serata il 29 ottobre 2007, presso il Centro Sociale, per la valorizzazione turistico – culturale del Santuario Federale Nuragico di Santa Vittoria di Serri, uno tra i più importanti e suggestivi tesori archeologici della Sardegna. E’ stato presentato in pubblico “Sardo, luce degli Dei”, il nuovo libro di Vittorio Melis, finalista alla X edizione del Premio Letterario Jacques Prevert, sezione narrativa inedita. Si tratta di un romanzo ambientato nell’ era nuragica, le cui vicende si svolgono in alcune aree archeologiche dell’ Isola, tra le quali anche il sito nuragico di Serri. I diritti d’ autore derivanti dalla vendita di quest’ opera saranno integralmente devoluti al sostegno dei progetti di sviluppo per l’ Eritrea e l’ Etiopia, attraverso il G.M.A. ( Gruppo Missioni Asmara ), organismo non governativo, Ente Morale che diffonde la cultura della solidarietà. Nella stessa serata è stata proiettata la ricostruzione in grafica tridimensionale del Santuario Nuragico di Santa Vittoria, commissionata dalla precedente amministrazione, destinata al Centro di Documentazione del Centro Servizi di Serri, che prevede, oltre alla possibilità di navigare liberamente nella ricostruzione 3D, una serie di percorsi guidati nei quali il visitatore viene accompagnato da una voce fuori campo (selezionabile fra le tre lingue inglese, francese e italiano), attraverso il tempo nei luoghi del Santuario. E' stata inoltre prodotta una versione ridotta per il Web, accessibile anche dal sito di Serri, attraverso la quale è possibile navigare liberamente nella ricostruzione 3D e visualizzare i testi nella sola lingua italiana.

Sono intervenuti:

-         Samuele Antonio Gaviano, Sindaco di Serri

-         Filippo Di Todaro, progettista e coordinatore grafico

-         Giorgio Murru, archeologo e consulente scientifico

-         Vittorio Melis, autore

 
Torna ai contenuti | Torna al menu