Archivio eventi 2008 - Sito Istituzionale del Comune di Serri

Vai ai contenuti

Menu principale:

Archivio eventi 2008

Eventi > Archivio eventi

Tante belle iniziative sono state organizzate dall’ Amministrazione comunale e dalle diverse associazioni locali, nel periodo tra il Santo Natale e l’ Epifania, a sostegno del sociale, dell’ ambiente, del turismo e della cultura, con l’ impegno di presentare un paese visitabile in ogni stagione.

“Le idee sviluppate durante queste festività”, riferisce il Sindaco di Serri, Samuele Gaviano, “dimostrano come spesso, anche con poche risorse, ma con buona volontà e collaborazione, si possano realizzare interessanti lavori”.

Oltre alle decorazioni di luci e colori predisposte sin dai primi di dicembre negli angoli caratteristici dell’ abitato, con l’ impegno dell’ assessorato ai servizi sociali è stata preparata una nuova iniziativa dal titolo “L’ Angolo Natalizio”, dove una giuria esterna ha premiato le migliori composizioni e allestimenti di aiuole, balconi, angoli fioriti, realizzati dalla popolazione in spazi visibili al pubblico. Sono stati assegnati numerosi premi e un attestato ai vari partecipanti.

Inoltre, rinnovando l’ esperienza positiva dello scorso anno, nei giorni prima di Natale i giovani del paese, vestiti da Babbo Natale, con un calessino trainato da un piccolo pony, superando il freddo di stagione, hanno attraversato in lungo e in largo tutto il paese, consegnando a domicilio caramelle ai bambini e panettoni agli anziani. Questa iniziativa è stata realizzata in collaborazione con i Giovani Bronzetti.

Il Sindaco non è sfuggito al suo appuntamento annuale: la mattina del 24 dicembre ha infatti impugnato le trombe del bando annunciando ai suoi “serresusu stimausu” gli auguri in lingua sarda.

A cavallo delle feste i cori polifonici “Voci in Musica” e “Santa Lucia” di Serri hanno organizzato due splendidi Concerti, offrendo così un prezioso contributo allo sviluppo culturale del paese.

Per l’ Epifania, la Pro Loco ha consegnato nei locali del Centro di Aggregazione, la tradizionale calza a tutti i bambini della scuola materna ed elementare, chiudendo così in bellezza le festose vacanze.


Grande gioia, domenica 23 novembre 2008 a Serri, per l’ arrivo del nuovo parroco don Simon Bolomba Wa Ngboka, accompagnato da S.E. Rev.ma Mons. Giuseppe Mani, Arcivescovo della Diocesi di Cagliari.

Ad attenderli all’ ingresso del paese, le autorità civili, militari e religiose: il Sindaco, gli amministratori, i marescialli di Carabinieri e Guardia di Finanza, alcuni sacerdoti, una comunità in festa che da il benvenuto alla futura guida spirituale.

“Lo accogliamo con emozione e con grande gioia, e a Lei spalanchiamo le porte delle nostre case, come due anni fa abbiamo fatto con il suo predecessore, don Eugenio.”, così ha riferito il Primo Cittadino durante il suo discorso pronunciato dall’ ambone della chiesa parrocchiale, al termine della Santa Messa solenne.

“Ma sono sicuro che lavorando assieme, affiancando le nostre differenti posizioni, culture ed esperienze, potremmo camminare uniti, garantendo a questa comunità crescita e sviluppo, sociale e spirituale. Da parte mia e dell’ intero gruppo di amministratori, Le assicuro, come sempre abbiamo fatto, la più totale disponibilità al dialogo e alla collaborazione. La formazione delle famiglie nella fede, come ci ha ricordato il Santo Padre nella recente visita alla Sardegna; una fede forte e robusta al pari del carattere dei sardi, che nella nostra terra è diventata cultura, è diventata Chiesa, come ha scritto Mons. Mani, nella sua ultima Lettera Pastorale; il rispetto per le tradizioni, la valorizzazione di ideali e progetti, la salvaguardia dei principi sui quale si basa, cresce e matura una società civile: questi e altri saranno gli obiettivi al centro del nostro rapporto collaborativo, per il bene e nell’ interesse della comunità e dei suoi abitanti.”

Poi, il Sindaco  salutando e ringraziando i presenti, le varie autorità, i sacerdoti, gli accompagnatori e gli “ex parrocchiani” di don Simone, giunti dalla B.V. del Rimedio in Cagliari, ha consegnato al nuovo Pastore, come omaggio di ben arrivato, lo Stemma del Comune di Serri, che racchiude al suo interno i simboli della storia del paese.



“Carissimo Don Eugenio, dopo questi mesi di forte intesa e collaborazione, mi rivolgo pensando a Lei, non più soltanto come amministratore parrocchiale, ma anche e soprattutto come amico, per me e per tutta la nostra comunità.”

Con queste parole, Samuele Gaviano, Sindaco di Serri, ha dato inizio al suo discorso in occasione della celebrazione eucaristica di domenica 9 novembre 2008, per il saluto al parroco.

“Per noi, per Serri, per questa piccola comunità parrocchiale che purtroppo, troppo spesso cambia parroco, Don Eugenio non è stato soltanto una guida spirituale, ma anche un amico sincero, un perfetto padre di famiglia, un ottimo fratello maggiore.

E allora, a nome di tutto questo paese, del suo Serri, dei giovani con i quali ha condiviso gioie e dolori, degli anziani e degli ammalati, delle famiglie, esprimo un commosso e profondo GRAZIE! Grazie per il suo operato, Grazie per il suo esempio, Grazie per le sue parole, a volte semplici, a volte forti, Grazie per quando ci ha fatti ridere, Grazie anche per quando ci ha fatti arrabbiare, Grazie per il suo lavoro semplice, umile, ma profondo.”

Il Sindaco ha poi consegnato al parroco un quadro – targa con scritte le parole di saluto da parte sua, a nome dell’ amministrazione e del paese: “Il nostro augurio, è per un ancora lungo cammino di fede, come annunziatore della Parola di Dio, affinché, sotto lo sguardo attento di Maria, Madre della Chiesa, possa realizzare a pieno la Sua Santa Vocazione, nata nel profondo del cuore.”

Il 16 novembre, don Eugenio farà ingresso nella sua nuova parrocchia a San Basilio, mentre il suo successore, don Simon Bolomba Wa Ngboka, giungerà a Serri, accompagnato dall’ Arcivescovo di Cagliari, la domenica successiva.



Iniziato con diversi minuti di ritardo a causa del forte nubifragio che ha colpito la Sardegna, compromettendo la viabilità e parecchi disagi su civili e militari, la cerimonia per la Festa dell’ Unità Nazionale, tenutasi per tradizione il 4 novembre, ha assunto quest’ anno una veste del tutto particolare: per volere del Sindaco, in ricordo dei tanti soldati morti per la Patria e di quanti ancora oggi la difendono, in nome dei principi sui quali si basa la società civile, sono stati consegnati dei particolari riconoscimenti ai militari, residenti o di origine serrese, che in questi anni sono stati impegnati in missioni di pace.

La cerimonia ha avuto inizio nella chiesa parrocchiale con la celebrazione della Santa Messa Solenne, presieduta da padre Giuseppe Marrocu s.j., alla presenza delle autorità e delle scuole locali. Al termine, il corteo ha raggiunto il Monumento in piazza Eroi dove, dopo la deposizione della corona d’ alloro e la lettura dei Nomi dei Caduti, il Sindaco ha pronunciato il suo discorso: “Un pensiero di riconoscenza va a tutti gli Eroi d’ Italia, e in particolare a quelli del nostro Paese, caduti sotto il fuoco e la malvagità del nemico, e a tutti i militari, dal grado superiore ai giovani alla prima esperienza, che ancora oggi offrono un prezioso servizio per la difesa dello Stato”.

Durante la commemorazione, il Primo Cittadino ha consegnato i compiacimenti ai suoi compaesani, una pergamena sulla quale è scritto: “Si prodigava instancabilmente, sacrificando energie fisiche e mentali, in ogni circostanza e condizione di tempo e luogo, per ristabilire la pace e la fratellanza tra popolazioni martoriate da guerre fratricide, tenendo alto il prestigio e l’ onore della Patria e della forza armata di appartenenza, esempio fulgido di abnegazione per i valori posti a fondamento delle civili società. Emulazione, per la gioventù e per coloro che credono nella giustizia e nella pace universale, senza distinzione di razza, religione e appartenenza politica.”

Hanno ricevuto il compiacimento:

-         Primo Aviere Scelto, Palmas Alessandro, Aeronautica Militare

-         Sergente, Marrocu Enrico, Esercito

-         Caporale Maggiore Scelto, Pilia Deniz, Esercito

-         Maresciallo Capo, Cogoni Angelo, Arma dei Carabinieri

-         Maresciallo Prima Classe, Pisano Gianfranco, Aeronautica Militare

-         Caporale Maggiore Scelto, Pilia Edoardo, Esercito

-          Primo Caporale Maggiore Scelto Pilia Filippo, Esercito

Il Sindaco ha ringraziato il maestro Fabio Diana, che ha accompagnato la cerimonia con gli squilli di tromba, i componenti del Coro Polifonico “Santa Lucia” di Serri che hanno intonato gli Inni patriotici, le Scuole per la loro viva partecipazione, i Carabinieri, la Guardia di Finanza e le diverse rappresentanze militari presenti, e tutti coloro che hanno collaborato per la manifestazione.





Fiera di Santa Lucia

Settembre 2008



Grande edizione quella del settembre scorso per la Fiera di Santa Lucia, un appuntamento di Serri, del Sarcidano e di tutta la Sardegna. Tante novità, ma anche numerose valorizzazioni di antiche tradizioni. L’ ampio programma dei festeggiamenti, preparato dall’ Amministrazione comunale e della Soc. Coop. Soc. “Noesis”, prevedeva l’ inizio dell’ evento fieristico con i riti religiosi di sabato 20: s. Messa presso la parrocchiale e una festosa processione che ha accompagnato il simulacro del Santo nella chiesetta campestre per i tre giorni di festa. Il corteo, capeggiato dai cavalieri, ha visto il ritorno dopo tanti anni del giogo di buoi che, accuratamente addobbato, ha portato il simulacro di Santa Lucia lungo la strada, dal paese all’ area fieristica; presenti alla processione anche i componenti del gruppo folk Santa Vittoria e il trio musicale launeddas, organetto e sulittu. Agli appuntamenti religiosi del sabato, si sono uniti quelli civili con il Torneo de Sa Murra in sa Fiera de Santa Luxia, ben partecipato, e il Concerto degli “Etno Boys”, famoso gruppo musicale dal repertorio di brani strettamente in lingua sarda, composto da adolescenti, anch’ essi fortemente applauditi.

Ma è stata sicuramente la domenica, il giorno principale della manifestazione: a testimoniarlo la grande partecipazione sia di venditori ed espositori, sia di visitatori e turisti. In entrambi i casi i numeri sono in crescita esponenziale!

La giornata si è aperta con l’ inaugurazione della mostra mercato dei prodotti agro alimentari e dell’ artigianato: pane, pasta e dolci della tradizione, ma anche i maestri orafi, scultori, pittori, tessitori, “maistus de linna”, hanno fatto da cornice alla Fiera, con la gustosa partecipazione delle bancarelle del torrone, degli strumenti del mondo agro-pastorale, i pescivendoli, is paradas. Grande partecipazione attorno allo spazio delle signore del Centro di Aggregazione intente alla preparazione di pane e pasta, secondo le antiche ricette serresi e con l’ utilizzo del grano Cappelli, coltivato nelle colline del Sarcidano.

Gran folla al pomeriggio per la ferratura del cavallo eseguita ad hoc da un maestro maniscalco: i presenti hanno assistito in diretta alle fasi di preparazione dei ferri e alla loro messa in posa. Ma l’ evento maggiormente apprezzato, è stata la Sagra de Is Pizzottis, un taglio di pasta della tradizione di Serri, lavorato e realizzato a mano, con un sugo di carne di maiale: piatto curato dal cuoco serrese Paolo Pala. Per contorno, salsiccia arrosto, pane e formaggio, e una buona dose di musica popolare.

Ospite della manifestazione dott. Piero Comandini, Assessore allo Sviluppo Economico e al Turismo della Provincia di Cagliari che, assieme al Sindaco Samuele Gaviano, hanno dato il via alla sagra, assaggiando per primi la pasta. Alla sera, l’ intrattenimento è proseguito con il concerto del complesso “Luna Bonita”.

Lunedì pomeriggio, tutto dedicato all’ arte con “Attobiu de poetas e pintoris”, organizzato con la collaborazione del Servizio Linguistico Sportello Lingua Sarda comunale: una serata di presentazione di opere poetiche e pittoriche degli artisti partecipanti alla Fiera, provenienti dal paese e da tutta Italia.

Al termine, incontro con l’ on. Ignazio Artizzu, Presidente della Federcaccia Provinciale, sulle novità del Calendario Venatorio 2008/09: ospiti Mauro Pili, ex Presidente della Regione Sardegna e attualmente deputato del Pdl, e Alessio Mereu, Consigliere del Comune di Cagliari.

Le celebrazioni religiose si sono concluse martedì con la processione attorno all’ area fieristica e la s. Messa Solenne, durante la quale è stato inaugurato, alla presenza del Primo Cittadino e delle scuole locali, il nuovo anno scolastico.

Grande attrazione durante tutte le giornate, lo spazio dei divertimenti con giostre e giochi da lunapark, intrattenimento per grandi e piccini.

“Grazie ai contributi economici della Provincia di Cagliari e del Consorzio Turistico dei Laghi, e al supporto fisico di tanti volontari”, afferma il Sindaco, “abbiamo presentato una Fiera di Santa Lucia del tutto eccezionale! Un evento unico nel suo genere per tutto il territorio che crede nel suo risveglio, e sul quale l’ Amministrazione punterà parecchio anche attraverso progetti e finanziamenti di carattere regionale, per la valorizzazione delle ricchezze che Serri e tutta la zona sono in grado di offrire”.  


Dopo pochi mesi, un nuovo capolavoro è stato gentilmente donato al Comune di Serri: si tratta di un quadro realizzato dalla Sig.ra Maria Marrocu, nata a Serri, ma da tempo emigrata in Lombardia, conosciuta nel mondo per le sue straordinarie opere.

Insieme ad altri scultori, pittori e poeti è stata protagonista nello spazio dedicato all' arte, allestito al coperto, in occasione del secondo appuntamento annuale con la Fiera di Santa Lucia, tenitasi dal 20 al 23 settembre 2008, partecipando alla presentazione dei suoi lavori nella serata “Attobiu de poetas e pintoris”, organizzata con la collaborazione del Servizio Linguistico Sportello Lingua Sarda del Comune di Serri.

In occasione della seduta di Consiglio Comunale del 25 settembre, il Sindaco ha presentato all' assemblea la donazione: “Ringrazio a nome dell' amministrazione la nostra cara compaesana per il suo gesto: l' opera che raffigura un bel tramonto nel nostro mare di Sardegna, sarà esposta nelle sale del Palazzo Municipale”.


In via del tutto eccezionale, quest' anno i festeggiamenti in onore di Santa Vittoria Vergine e Martire, son stati posticipati di due giorni e portati al 12 e al 13 settembre.

La cerimonia si è aperta con la benedizione della nuova statua, molto simile alla vecchia, realizzata dall' artista Michele Moro, grazie all' impegno della Coop. “L' Oleandro” che gestisce l' area archeologica, e alla collaborazione dei sig.ri Pino e Giuliano che nell' estate del 2007 hanno operato presso gli scavi del sito di Serri, e all' Associazione Nazionale Sardi del Friuli Venezia Giulia con sede a Tolmezzo ( UD ). A Ludovica e Piero si deve il trattamaneto finale della scultura e il completamento della nicchia.

L' opera, interamente in legno, dopo una lunga processione dalla chiesa parracchiale sino allo spazio di accoglienza nel Santuario Nuragico Federale, attraversando le terre della Giara di Serri, è stata depositata nella nicchia all' ingresso del sito.

Su di essa, una targa recca questa dicitura: “La Cooperativa L' Oleandro in memoria del Signor Giovanni Pilia per l' interesse prestato nel tutelare il sito archeologico”.

“La realizzazione della nuova statua e la grande festa attorno ad essa, testimonia la fede dei serresi per Santa Vittoria”, racconta il Sindaco, presente alla festa, “un culto che si tramanda nei secoli, ravvivato anche dalla presenza della piccola chiesetta campestre nei pressi delle rovine archeologiche. Per questo, si ringraziano i ragazzi della cooperativa che da tempo gestiscono il sito, e tutte le persone che hanno offerto il loro contributo”.


Domenica 7 settembre 2008, in una giornata praticamente estiva, la Sardegna ha accolto tra le sue braccia Sua Santità Benedetto XVI, giunto nell' Isola in occasione del centenario della proclamazione di Nostra Signora di Bonaria a Patrona Massima della Terra e del Popolo Sardo.

Diversi i momenti che hanno scandito la visita papale: l' arrivo in aeroporto, accolto dalle autorità religiose, civili e militari; la celebrazione eucaristica sul sagrato della Basilica di Bonaria innanzi a oltre 100 mila fedeli, l' incontro con i ministri della chiesa isolana e con i giovani, le sue passeggiate sulla papamobile per le vie della Città.

“Benedetto XVI ha potuto sperimentare di persona la fede di noi sardi.”, commenta il Sindaco di Serri presente a Cagliari e alla Santa Messa celebrata dal Papa, “Ho apprezzato il discorso rivolto ai giovani, alle difficoltà che questi incontrano lungo il cammino della vita, ai problemi della società attuale”.


organizzano

Notte sotto le Stelle

Sabato, 23 agosto 2008

Appuntamento sull'altopiano di Serri
presso il Santuario Federale Nuragico di Santa Vittoria

Osservazioni guidate delle Costellazioni
con gli astronomi dell’Associazione Astronomica Ogliastrina
che gestisce l’osservatorio di Monte Armida


Programma

ore 22:00 Proiezioni immagini della volta celeste, osservazione guidata delle costellazioni e dei vari corpi celesti ( Giove, Andromeda, masse stellari )
Inoltre,
dalle ore 17:30 E’ possibile effettuare Visite guidate al Santuario Federale Nuragico di Santa Vittoria

ore 20:30 E’ possibile consumare ( su prenotazione ai numeri sotto indicati) una cena a buffet all' interno dell' agriturismo “Villaggio Santa Vittoria” di Loi Ambrogio, adiacente l'area archeologica
Info 070 659740 - 339 5026985




Si è svolto a Serri, il 10 giugno 2008, presso i locali del Centro di Aggregazione Sociale, un incontro tematico su “Raggiri, Borseggi, Truffe, e Furti, Strumenti di Autodifesa”, organizzato dagli Uffici di Polizia Municipale e dei Servizi Sociali, con la collaborazione degli operatori della Soc. Coop.  “Noesis”, con la quale l’amministrazione comunale ha avviato una serie di progetti e programmi di lavoro. Ad aprire l’ incontro, con il suo intervento introduttivo Marisa Cogoni, Agente Municipale, e a seguire, il Sindaco di Serri, che dopo aver salutato i convenuti, nel suo discorso ha accentrato l’ attenzione sul rafforzamento del legame tra cittadini, forze armate e di vigilanza, in riferimento ai contenuti dei pensieri già elencati dal Comandante Regionale dei Carabinieri, Generale Carmine Adinolfi, in occasione della festa dell’arma, il cinque giugno scorso. Ma i veri protagonisti del Convegno, son stati il Maresciallo Meloni, Comandante della Stazione dei Carabinieri e il Maresciallo Milia, Comandante Brigata Guardia di Finanza di Isili, che con il loro prezioso e qualificato intervento hanno offerto ai numerosi presenti, interessati all’argomento, importanti suggerimenti per evitare truffe, furti e raggiri, attraverso consigli, sulla base di esempi ed esperienze personali. In particolare su commercio elettronico e truffe telematiche, falsificazione di banconote e monete, scontrini e ricevute fiscali, contraffazione di prodotti, imbrogli e raggiri specie sugli anziani e le fasce sociali deboli. “Non va dimenticato che siamo tutti sotto lo sguardo dei truffatori: è importante la prevenzione, e se questa non basta, la successiva segnalazione alle autorità competenti”. Al termine dell’incontro, ai presenti è stato rilasciato un attestato di partecipazione, dei manuali di supporto e una rubrica contenente i numeri di pubblica utilità.


Grazie al sostegno del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, con l’ appoggio dell’ Ufficio di Polizia Municipale, e con la viva collaborazione dell’ Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, del Corpo Forestale di Isili e dei volontari dell’ Associazione “La Fenice”, giovedì 24 aprile 2008, il Comune di Serri ha aderito a una delle giornate della Settimana Mondiale sulla Sicurezza Stradale, indetta nell’ ottobre del 2005, dall’ Assemblea Generale delle Nazioni Unite, con l’ obiettivo di incentivare azioni per il miglioramento della sicurezza globale sulle strade.

Diretto e applaudito, l’ intervento del Sindaco, Samuele Gaviano, durante la seduta Straordinaria di Consiglio Comunale, al quale hanno partecipato le forze armate impegnate nella manifestazione.


“I dati dell’ Onu parlano chiaro:”, racconta il Primo Cittadino, “più del 40% di tutte le morti dovute a incidenti stradali, riguardano i giovani compresi tra i 0 e i 25 anni, dovute soprattutto all’ alta velocità, al mancato rispetto della segnaletica, alle distrazioni, al consumo di droghe, all’ abuso di alcool. Per tali motivi”, aggiunge Gaviano, “è necessaria un’ inversione di marcia, per una politica di investimenti in favore della sicurezza, della formazione e del potenziamento dei controlli”.

L’ evento, ben pubblicizzato da giornali e televisione, ha avuto inizio alle ore 17:00, quando nel bivio di Genniau ( sulla 128, Serri - Escolca ), i volontari e le forze armate, fermando il traffico, anziché chiedere i soliti “patente e carta di circolazione”, consegnavano agli automobilisti materiale informativo sulla sicurezza stradale, invitandoli a diffondere a loro volta il messaggio. Particolare lo stupore degli autisti, felici ed entusiasti per questa importante iniziativa.

Al termine, alle ore 18:30, tutti al Palazzo Municipale, per il Consiglio Comunale, durante il quale il Sindaco si è impegnato a sostegno di azioni sulla sicurezza stradale del Comune di Serri, verificando la segnaletica nel centro abitato e nelle strade di campagna: “Già in campagna elettorale ci battemmo su questi fronti e nel Convegno, tenutosi a Serri lo scorso giugno, sulla viabilità e i trasporti nel territorio del Sarcidano e della Barbagia di Seulo, invitai gli Assessori provinciali a verificare lo stato di pericolosità delle due strade che dalla 128 portano al paese, al tempo prive di segnaletica utile soprattutto di notte e in caso di nebbia, condizione, questa, a cui Serri va spesso incontro. Immediatamente, la Provincia ha provveduto alla messa in sicurezza dei due tratti stradali. I programmi dell’ Amministrazione”, continua Gaviano, “prevedono l’ approvazione del Regolamento sulle vie rurali e la sistemazione della strada che dal paese porta al Santuario Federale Nuragico di Santa Vittoria.”

Dall’ intervento del Sindaco, si riassume l’ impegno a promuovere, coinvolgendo le associazioni, azioni mirate sui giovani, con programmi di educazione stradale, nelle scuole di tutti gli ordini, pubblicizzando nel territorio tali iniziative, affinché ogni comunità si mobiliti con misure efficaci sulla sicurezza, sostenendone continuità nel tempo.



“Do il benvenuto a Serri e nel nostro territorio, ben rappresentato dai colleghi sindaci, dagli amministratori e dalle autorità tutte, all’ Assessore al Turismo della Provincia di Cagliari, dottor Piero Comandini, e lo ringrazio per aver accettato il nostro invito”. Con queste parole il Sindaco Samuele Gaviano inizia il suo discorso d’ apertura, in occasione della cerimonia di Inaugurazione del Veicolo Elettrico, tenutasi il 19 marzo scorso, presso il Santuario Nuragico Federale di Santa Vittoria di Serri.

“Il mezzo”, continua Gaviano, riferendosi ai presenti, “è dotato di tutti gli accessori anche per persone su sedia a ruote e si inserisce perfettamente nel quadro delle iniziative a sostegno della promozione turistica, garantendo una maggiore fruibilità all’ area archeologica, importante testimonianza dell’ età nuragica”.

Dopo aver illustrato tutti i programmi dell’ Amministrazione comunale sul turismo locale, il Primo Cittadino riferisce l’ importanza dell’ appoggio della Regione Sardegna, della Provincia, di enti e consorzi a favore di tale orientamento, e la necessità di rafforzare il confronto e la collaborazione tra i vari comuni del Sarcidano – Barbagia di Seulo per incrementare l’ attività di promozione e di sviluppo turistico del territorio.

Dello stesso parere e verso questi programmi è indirizzato l’ Assessore Comandini, il quale, nel suo intervento dichiara la necessità di un sempre più marcato sistema sinergico di progetti, per una maggiore crescita territoriale.

Terminati i discorsi del Sindaco e dell’ Assessore, e dopo la benedizione del mezzo da parte del parroco di Serri, la cerimonia è proseguita con il taglio del nastro tricolore inaugurale, secondo una particolare modalità: hanno impugnato le forbici in tempi diversi Comandini, Gaviano e don Eugenio, tagliando rispettivamente il rosso, il bianco e il verde.

La manifestazione è proseguita con le dimostrazioni sull’ uso del veicolo elettrico, acquistato dalla precedente amministrazione, attraverso un finanziamento della XIII Comunità Montana, e con le visite guidate presso l’ area nuragica.

La cerimonia si è conclusa con un rinfresco presso la struttura ricettiva nel santuario di Santa Vittoria.




Lunedì 28 gennaio 2008, è una data già trascritta nel diario storico del Comune di Serri: il Comandante dell’ Arma dei Carabinieri della Sardegna, Generale Carmine Adinolfi, ha fatto visita al Palazzo Municipale e assieme al Comandante della Compagnia di Isili, Capitano De Rosa, e al Comandante della Stazione, Maresciallo Meloni, hanno incontrato il Sindaco, Samuele Antonio Gaviano.

Al termine, il Generale accompagnato dal Primo Cittadino, ha visitato l’ Aula Consiliare dove, accanto alle bandiere, si staglia maestoso il Gonfalone, rappresentante lo Stemma del Comune di Serri.


Fissata per il 17 dicembre 2007, ma sospesa a causa del maltempo dovuto alla forte nevicata, l’ Amministrazione comunale ha rinviato per il 18 gennaio 2008 la Festa dell’ Albero, importante manifestazione che il paese non ricordava più da qualche tempo, e nella quale è stata inserita una novità: ottemperare il contenuto della legge n. 113 del 29/01/1992, con la quale sono stati individuati spazi verdi nei quali mettere a dimora alberi, uno per ogni neonato, in seguito alla registrazione anagrafica.

Analizzando il programma della giornata, alle ore 10:30, appuntamento presso la piazza San Basilio con gli alunni e le insegnanti della Scuola Primaria e dell’ Infanzia, con i bimbi nati nel 2007 e i loro genitori, e con la viva partecipazione dei presenti. Dopo il discorso introduttivo del Sindaco e la testimonianza del Preside dell’ Istituto Comprensivo, dottor Filiberto Orrù, nel ricordo della sua esperienza da alunno in una festa dell’ albero nel suo paese, il parroco ha impartito la benedizione alle piante.

Alle ore 10:45, inizio del Percorso Naturalistico per le vie del centro: in due angoli di Serri ( incrocio via San Basilio – via G. Marconi e in piazza A. Taramelli ), i genitori hanno messo a dimora gli alberelli per i loro bambini.

“Quest’ anno abbiamo piantato solo 5 alberi”, riferisce il Sindaco, “perché 5 sono i fanciulli nati nel 2007, e abbiamo scelto come specie la carruba, poiché cresce in fretta e conserva il manto fogliare durante tutte le stagioni”.

Alle ore 12:00, rientro in piazza San Basilio, con la recita di poesie da parte degli alunni, sotto la vigile guida delle insegnanti. Il Sindaco ha consegnato le pergamene ai genitori dei bambini nati lo scorso anno e un albero di leccio o di carruba ai bambini e ai ragazzi delle scuole, invitandoli a piantarli presso la loro abitazione.

La manifestazione si è conclusa con un rinfresco per tutti.

In queste settimane, gli operai del Comune stanno provvedendo ad abbellire con alberi e cespugli, le aiuole e le strade del paese. Lentisco, corbezzolo, leccio e mirto: queste sono le specie da impiantare, tipiche della macchia mediterranea.  




 
Torna ai contenuti | Torna al menu